giovedì 26 gennaio 2012

Bastoni



















Questi bastoni sono intagliati a mano.
Ho usato tre legni diversi:castagno,nocciolo e glicine.

5 commenti:

  1. nahhh!!!pure i bastoni!!mi sa che anche tu hai la malattia "del tarlo"!!!!!li hai mordenzati??
    ciao

    RispondiElimina
  2. Una mano di antitarlo non farebbe male, visto che ho intenzione di usarli il piu' tardi possibile,dopotutto li ho preparati ironicamente come bastoni sostegno della vecchiaia....
    ciao Carmen

    RispondiElimina
  3. Carmen per "malattia del tarlo"intendevo, quel male che prende a chi come noi, non può fare a meno di rodere il legno...proprio come i tarli!!anche "ironicamente"per te c'è tempo per l'uso!!eppoi..scusa dovresti farti un bastone "pastorale" da vescovo!!almeno ci sarà gusto a darlo in tes...a qualcuno!(scherziamoci su).
    ciao,nicola

    RispondiElimina
  4. Ciao Carmen, posso chiederti che legno è l'okumè che usi di solito? sono alla ricerca di nuove essenze di facile reperibilità e che si lavorino abbastanza facilmente. Vista la tua creatività dovresti provare il ginepro, se vuoi posso spedirtene un pezzo (in primavera, dopo le nevicate, qualche bel ramo spezzato si trova). Ciao, Paolo.

    RispondiElimina
  5. L'okumè è un tipo di mogano,è piu' chiaro e piu' morbido.I pezzi di legno che uso non sono molto grandi perhè sono scarti di falegnameria, è un legno che viene usato anche per i serramenti.
    Non ho mai usato il ginepro, ma penso di poterlo recuperare ,anche qui da noi in Valtellina si trova ad una certa altitudine, devo solo andarlo a cercare, comunque ti ringrazio del pensiero . ciao Carmen

    RispondiElimina